4 consigli per un lavaggio più sicuro di frutta e verdura dagli esperti di sicurezza alimentare

4 consigli per un lavaggio più sicuro di frutta e verdura dagli esperti di sicurezza alimentare

Perché hai bisogno di lavare i tuoi prodotti?

La stagione del mercato contadino è alle porte e potresti già fare spazio nel tuo cassetto delle patatine. Ma al mercato degli agricoltori, al supermercato e ovunque fai la spesa per mangiare bene, cosa che sicuramente No vuole che il tuo trasporto sano ti faccia ammalare.

Circa 48 milioni di americani – uno su sei – soffrono di intossicazione alimentare ogni anno, secondo i dati del 2022 dei Centers for Disease Control and Prevention (CDC). Di questi, una media di 130.000 richiedono il ricovero e 3.000 provocano la morte. E mentre le carni poco cotte e gli avanzi lasciati fuori dal frigorifero per un po’ troppo a lungo sono colpevoli comuni, il Dipartimento dell’Agricoltura degli Stati Uniti (USDA) afferma che la sua produzione è alla base di quasi la metà di tutti i casi di malattie di origine alimentare.

Questo non vuol dire che dovresti evitare questi alimenti, infatti, prevenire le malattie dai cibi vegetali può essere semplice. “È molto importante lavare i tuoi prodotti”, afferma Sally Twellman, RDN, LD, dietista registrata presso Heading Health ad Austin, in Texas. In superficie, afferma Twellman, il lavaggio dei prodotti è fondamentale per eliminare i residui di pesticidi ed erbicidi. Queste sostanze chimiche svolgono un ruolo nell’agricoltura moderna per controllare parassiti, erbacce e portatori di malattie, ma possono anche causare problemi all’intestino. “Danneggeranno davvero e uccideranno il [good] Batteri gastrointestinali che il tuo corpo sta lavorando duramente per mantenere”, spiega Twellman. Bilanciare i batteri nel tratto gastrointestinale ha un grande impatto sulla salute e sul benessere generale.

Le sostanze chimiche possono anche danneggiare i rivestimenti dello stomaco e del sistema gastrointestinale, afferma Twellman. Mentre la ricerca su tutto questo è in corso, un rapporto del 2016 pubblicato in Confini nella sanità pubblica osservato che l’ingestione di pesticidi può interferire con una serie di normali processi corporei, dall’assorbimento dei nutrienti alla funzione endocrina. Queste sostanze chimiche possono anche essere collegate a un rischio maggiore di malattie croniche come malattie cardiache, demenza e alcuni tipi di cancro.

Un altro problema di produzione? batteri. “Qualsiasi frutta o verdura fresca sarà esposta ai microbi che si trovano naturalmente nel suolo e nell’ambiente – e questi batteri fanno l’autostop sui prodotti quando vengono raccolti”, afferma Twellman. “[These microbes] rimarranno nella frutta e nella verdura durante il trasporto e possono effettivamente crescere e moltiplicarsi durante il trasporto”.

Alcuni di questi batteri, come E.coli, salmonellae listeriapuò fare un numero sulla tua salute:

  • E.coli può causare diarrea e, in alcuni casi, malattie molto gravi.
  • salmonella può causare problemi allo stomaco da solo; o in alcuni casi una febbre alta, potenzialmente fatale.
  • listeria interessano il tratto gastrointestinale, ma possono anche diffondersi nel sangue o nel cervello.

Virus come l’epatite A e il norovirus sono anche cause comuni (ma lievi) di malattie di origine alimentare, secondo la Food and Drug Administration (FDA) statunitense.

(La prossima volta che hai mal di stomaco, ecco come capire se si tratta di un’intossicazione alimentare o qualcos’altro.)

Devo lavare tutti i miei prodotti?

donna che lava il sedano

Febbre/Immagini Getty

Twellman dice che quando sono disponibili, tende a concedersi il lusso di versioni organiche dei prodotti per evitare la sovraesposizione ai pesticidi. Ma che sia biologico o meno, suggerisce, è una buona idea lavare tutti i tuoi prodotti.

Certamente non tutta la frutta e la verdura presentano lo stesso rischio. Secondo l’Environmental Working Group, un’organizzazione di difesa dei consumatori che valuta e raccomanda prodotti alimentari, per la pulizia e di bellezza per la sicurezza sanitaria, alcuni dei migliori frutti e verdure per assicurarsi di lavare includono fragole, spinaci, cavoli, cavoli e cavoli. senape, nettarine, mele, uva, ciliegie, pesche, pere, peperoni, sedano e pomodori.

Twellman dice che è una buona idea lavare anche il cibo che tagli, anche se ha la pelle, come il melone o l’anguria. Questo perché quando il coltello taglia la frutta o la verdura, i microbi viaggiano verso la parte carnosa del frutto, spiega. “Lavo anche cose come mandarini e arance, perché dopo averle sbucciate, tutto ciò che è nella buccia viene trasferito alle tue mani e poi al vero frutto”, dice.

Come lavare frutta e verdura

Non prendere ancora il detersivo, suggerisce Twellman. Il sapone è quello che chiamiamo emulsionante, quindi funziona per separare il grasso dall’acqua, il che è molto utile per rimuovere l’olio da cucina dalle tue padelle, ma non così eccezionale per i tuoi prodotti. Non sono necessari nemmeno prodotti speciali. Gli ingredienti migliori per pulire frutta e verdura sono probabilmente già nella tua cucina.

1. Risciacquare con acqua dolce

La FDA consiglia di utilizzare semplicemente l’acqua corrente per lavare la frutta e la verdura, strofinando i prodotti per eliminare eventuali microbi e residui di pesticidi (e utilizzare una spazzola a setole morbide per strofinare cibi più sodi come meloni o cetrioli – considera solo di toglierti lo scrub) .spazzola sul prossimo carico di lavastoviglie per assicurarti che ottenga anche una buona pulizia).

2. Immergere in acqua dolce

Ricerca pubblicata in Giornale sulla protezione degli alimenti detto che, nella maggior parte dei casi, lasciare i prodotti in ammollo per almeno due minuti prima del risciacquo può essere ancora più efficace nel ridurre i batteri nocivi.

3. Salsa all’aceto

Uno studio più vecchio della stessa rivista ha suggerito che l’aggiunta di un po’ di aceto a questa salsa funziona meglio per prevenire l’intossicazione alimentare rispetto alla semplice acqua. “Mi piace usare una soluzione al cinque percento”, afferma Twellman. Si tratta di una tazza di aceto per due litri di acqua nel lavandino (ma nota che non deve essere super preciso). “Poi ho messo tutti i miei prodotti nell’acqua e l’ho lasciato riposare per circa 10 minuti, quindi l’ho lasciato asciugare”.

Ecco altri sei ottimi usi dell’aceto bianco nel tuo armadio.

4. Salsa al bicarbonato di sodio

Ricerca pubblicata in Giornale di chimica agraria e alimentare afferma che il pH alcalino del bicarbonato di sodio aiuta ad abbattere i residui di pesticidi ostinati. Nello studio, i ricercatori hanno messo a bagno le mele – presumibilmente uno dei frutti più sporchi – in due bicchieri d’acqua con un cucchiaino di bicarbonato di sodio per 15 minuti, seguiti da un risciacquo con acqua fresca.

Allora qual è il modo migliore per pulire i tuoi prodotti?

La FDA e il CDC affermano che, nella maggior parte dei casi, risciacquare bene con acqua corrente è efficace nel limitare il rischio di microbi e pesticidi. Se vuoi essere più vigile, specialmente se stai preparando cibo per bambini, anziani, donne incinte o altri con un sistema immunitario compromesso, la ricerca suggerisce che l’aggiunta di aceto o bicarbonato di sodio a una salsa d’acqua dolce può fare un passo avanti.

Ricorda solo che è importante lavare i tuoi prodotti prima di mangiarli o assicurarti che siano completamente asciutti prima di riporli. L’eccesso di umidità può favorire la crescita di muffe che rovinano il cibo più rapidamente.

Iscriviti a Il sano newsletter per approfondimenti sul benessere consegnati quotidianamente. Seguici su Facebook e Instagram – e non perdere:

Leave a Reply

Your email address will not be published.