Ansia e senso di oppressione al petto: perché succede

Ansia e senso di oppressione al petto: perché succede

Cos’è l’ansia?

Secondo l’Anxiety and Depression Association of America, quasi un americano su cinque ha un disturbo d’ansia e altri milioni di persone sperimentano un’ansia che non raggiunge il livello di una reale condizione di salute mentale. Sebbene l’ansia possa assumere molte forme, uno dei sintomi più fastidiosi è la tensione al petto, che può anche essere un segno di qualcosa di più immediato e pericoloso per la vita, come un infarto.

È sempre meglio consultare un medico o un infermiere per determinare la causa dei sintomi. Ma potrebbero esserci alcuni indizi che il tuo disagio è dovuto all’ansia piuttosto che a qualcos’altro. (Ecco i sintomi del disturbo d’ansia che dovresti conoscere.)

L’ansia è una reazione allo stress (reale o immaginario) e non è sempre una cosa negativa. Un po’ di ansia ti tiene in punta di piedi: ti aiuta a rispettare una scadenza, rispettare gli appuntamenti e rispettare il limite di velocità. Troppa ansia, d’altra parte, può essere debilitante e deve essere affrontata.

(Ecco la differenza tra stress e ansia.)

Senso di oppressione al petto e altri sintomi di ansia

La costrizione toracica è solo uno dei tanti modi possibili in cui l’ansia può manifestarsi. “I classici sintomi dell’ansia sono pensieri o paura della morte, incapacità di dormire, incapacità di concentrazione”, afferma Pedro Cazabon, MD, direttore medico del sistema di cure primarie di Ochsner Health. Potresti anche provare dolori muscolari, dolori muscolari, incapacità di rilassarti, mancanza di respiro, sensazione di stanchezza e irritabilità, difficoltà a dormire, respiro accelerato, sudorazione o tremori, persino disturbi gastrointestinali.

“C’è un vero cambiamento fisiologico quando abbiamo una risposta allo stress”, afferma Brittany LeMonda, PhD, neuropsicologa senior presso il Lenox Hill Hospital di New York. “Non è necessariamente un’esperienza emotiva, lo è [also] un’esperienza fisica”. (Quindi controlla queste strane cause di ansia.)

Perché l’ansia porta a costrizione toracica?

Diversi processi lavorano insieme per creare diversi sintomi di ansia, inclusa la costrizione al petto (che è spesso anche accompagnata da dolore o pressione al petto). Uno riguarda gli ormoni.

“Se senti una minaccia o una paura, si innesca il rilascio dell’ormone adrenalina”, spiega il dott. Kazabon. “La frequenza cardiaca aumenta, la pressione sanguigna può aumentare. [blood] Le pentole possono stringere un po’. Anche i muscoli del torace possono contrarsi e si può sentire come se qualcosa stesse stringendo “, dice. Anche l’ormone dello stress cortisolo svolge un ruolo.

Tensione muscolare

“La gabbia toracica e il diaframma sono tutti fatti di muscoli e ossa”, afferma Bradley Gaynes, MD, professore di psichiatria ed epidemiologia presso la University of North Carolina School of Medicine a Chapel Hill. “Puoi ottenere tensione anche lì. Ed è per questo che puoi sentire il petto [tightness] e dolore e mancanza di respiro”. Non è molto diverso dall’avere dolore e senso di oppressione legati allo stress al collo o alle spalle.

assunzione di ossigeno

Quando ti senti ansioso, respiri velocemente e in modo superficiale, il che significa che non stai apportando abbastanza ossigeno. Il tuo corpo reagisce prendendo respiri ancora più brevi, il che si traduce in un circolo vizioso. Questo può anche contribuire alla costrizione toracica, afferma il dott. Gaynes.

(Inoltre, presta attenzione ai segni silenziosi dell’ansia ad alto funzionamento.)

vista ritagliata dell'uomo con dolore toracico e infarto

LightField Studios/Getty Images

Cos’altro può farti sentire stretto il petto?

Le cause della costrizione toracica vanno da un’indigestione relativamente benigna a un attacco alla cistifellea a un infarto potenzialmente fatale o a un’embolia polmonare (coagulo nel polmone), afferma il dott. Kazabon. Ecco perché è una diagnosi così complicata da fare.

Perché la costrizione toracica è associata a così tante malattie? “Il torace e la parte superiore dell’addome sono integrati da un nervo”, spiega il dott. Kazabon. «Il nervo vago [the 10th cranial nerve that supplies the heart, chest, and other organs] viaggia dal cervello al tratto gastrointestinale, ma registra solo dolore non specifico. Devi saperne di più sulla storia per concentrarti su un motivo.

(Ecco otto dolori al petto che potresti scambiare per un infarto.)

È ansia o qualcos’altro?

Poiché così tante cose possono causare costrizione toracica, è uno dei sintomi più difficili da diagnosticare, afferma il dott. Kazabon.

Un modo per sospettare che sia ansia è pensare a cosa sta succedendo nella tua vita in questo momento. “C’è una sorta di chiaro fattore di stress in corso che potrebbe spiegare perché sei più ansioso?” dice il dott. Gaynes. Problemi sul lavoro o in una relazione possono aiutare a spiegare il sintomo. Così come i sentimenti di paura.

altri indizi

Pensa alle possibili cause fisiche dei tuoi sintomi. È meno probabile che la costrizione toracica sia dovuta all’ansia se hai una storia personale o familiare di problemi medici, come infarti o coaguli di sangue, afferma il dott. Gaynes.

Se riesci a riprodurre la tensione spingendo il petto verso il basso, è meno probabile che si tratti di un infarto e più probabile che sia un problema muscolo-scheletrico, probabilmente a causa dell’ansia, afferma il dott. Gaynes.

È più probabile che la tensione al petto che si verifica dopo lo sforzo fisico sia correlata al cuore, afferma LeMonda. È più probabile che il dolore che dura da 5 a 10 secondi sia ansia, aggiunge.

Valutazione della causa

In caso di dubbi sulla causa della costrizione toracica, sarà necessario ottenere informazioni da un medico. Questo è molto più facile oggi che mai. In passato, dovevi prendere un vero appuntamento con un medico o andare al pronto soccorso. Attualmente, ci sono opzioni meno costose, afferma il dott. Kazabon. Molti sistemi sanitari hanno capacità di telemedicina, come chiamare una hotline e parlare con un’infermiera o fare una video visita. (Ecco cinque app di telemedicina che dovresti conoscere.)

“Non devi necessariamente correre al pronto soccorso o andare dal medico per chiedere aiuto”, afferma il dott. Kazabon. “Ci sono molti posti dove puoi ottenere consigli. Determinano la causa con te e determinano il passo successivo.” (Ecco cosa sapere sul dolore al petto che va e viene.)

Come alleviare la costrizione toracica e l’ansia

Ma se sei sicuro che i tuoi sintomi siano ansia, il rimedio può essere ingannevolmente semplice. In cima alla lista: spostare il respiro da respiri brevi e superficiali a respiri più lunghi e profondi, magari attraverso la consapevolezza o la meditazione. “Questo può aiutarti a ottenere più ossigeno, che può calmare i tuoi polmoni e aiutare il tuo petto a non sentirsi così stretto”, afferma il dott. Gaynes.

Se qualcosa di specifico ti sta stressando, “parla” con te stesso usando alcune tecniche cognitivo-comportamentali (CBT) per rilassarti. Ad esempio, quanto è probabile che accada uno scenario apocalittico che stai immaginando? Sarebbe la fine del mondo se ciò accadesse? La CBT può anche aiutarti a disimparare l’ansia che ha un trigger esterno.

Esercizio

Per i nostri antenati, la risposta di lotta o fuga doveva allontanarti fisicamente da una minaccia o affrontarla. È improbabile che tu debba affrontare lo stesso tipo di minaccia oggi (una tigre che salta, per esempio). Ma puoi ancora usare l’esercizio per logorare la risposta, per così dire. “Questo può aiutare a ripristinare il tuo centro d’ansia”, spiega il dott. Kazabon. Prova a camminare, correre, salire le scale o prendere a pugni un sacco da boxe. (Inoltre, prova questi esercizi di respirazione per l’ansia.)

medicinale

I farmaci per trattare l’ansia sono di solito l’ultima risorsa. “Penso sempre che sia meglio trovare un modo per gestire l’ansia senza farmaci perché i farmaci stanno mettendo un cerotto sulle cose”, afferma LeMonda.

Ma se proprio nient’altro funziona, ci sono farmaci, inclusi alcuni SSRI (inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina), che si ritiene aiutino a regolare l’umore e l’ansia, afferma il dott. Kazabon.

Quindi leggi i suggerimenti di questi terapeuti su come affrontare l’ansia.

Leave a Reply

Your email address will not be published.