Cosa devi sapere sulla radice di tarassaco e sulla disintossicazione

Cosa devi sapere sulla radice di tarassaco e sulla disintossicazione

donna piegata dal dolore a lettoESB professionale/Shutterstock

Perché le persone si rivolgono ai denti di leone

“Gli estratti di tarassaco hanno una lunga storia di utilizzo, specialmente nella medicina tradizionale cinese e nella medicina dei nativi americani”, afferma Worden. I nativi americani usavano i denti di leone bolliti per curare disturbi renali, gonfiore, problemi della pelle, bruciore di stomaco e mal di stomaco. La medicina tradizionale cinese utilizzava il dente di leone per problemi di stomaco, appendicite e problemi al seno. E i primi europei lo usavano per curare febbri, diabete e diarrea.

I denti di leone sono anche ricchi di vitamine, secondo il database dei nutrienti del Dipartimento dell’agricoltura degli Stati Uniti. Sono un’ottima fonte di vitamine A, C e K. Infatti, solo una tazza di tarassaco contiene il 112% del valore giornaliero di vitamina A, il 32% di vitamina C e il 535% di vitamina K. Queste vitamine aiutano a mantenere un vita più sana. sistema immunitario, mantenere la salute delle ossa e regolare la coagulazione del sangue. Dai un’occhiata a queste 16 vitamine e integratori che i medici assumono effettivamente ogni giorno.

Insalata verde con denti di leoneFamiglia creativa/Shutterstock

Come usare la radice di tarassaco

Tradizionalmente la radice veniva arrostita e consumata come bevanda, mentre le foglie venivano utilizzate in insalate, zuppe e panini. Oggi è ancora usato allo stesso modo, più comunemente nel tè e come sostituto del caffè che agisce come disintossicante dalla radice di tarassaco. È disponibile anche in capsule, polveri ed estratti. “Lo preferisco sotto forma di tintura (estratto liquido) ed è meglio prenderlo in una piccola quantità di acqua due o tre volte al giorno”, afferma Brown. “Le mie aziende preferite per le tinture di tarassaco sarebbero Wise Woman Herbals, Herb Pharm e Gaia Herbs”.

medico che controlla la pancia di una donna incinta con uno stetoscopioPandora Studio/Shutterstock

Ci sono dei rischi?

Il dente di leone è una delle erbe medicinali meno problematiche, dice Worden, ma comporta comunque dei rischi per alcune persone. “Come per molte erbe, non si sa abbastanza sull’uso del dente di leone durante la gravidanza e l’allattamento, quindi suggerisco di non consumarlo durante questo periodo”, dice. “Evita anche il dente di leone se hai una nota allergia all’ambrosia, alle margherite, alle calendule o ai crisantemi. Potresti anche essere allergico ai denti di leone. Può anche neutralizzare gli antibiotici, diminuendone l’efficacia, oltre ad interagire negativamente con il litio, i farmaci che alterano la funzionalità epatica e i diuretici. In conclusione: parla con il tuo medico per assicurarti che sia sicuro per te, soprattutto se rientri in una delle categorie sopra menzionate. Worden aggiunge che se ottieni il via libera dal tuo medico, il dosaggio corretto dipenderà dalla tua età, salute e altre condizioni. Sii consapevole di questi 12 rimedi casalinghi affidabili che ti faranno solo peggiorare.

Leave a Reply

Your email address will not be published.