Cos’è Chaga?  Cosa sapere sui potenziali benefici

Cos’è Chaga? Cosa sapere sui potenziali benefici

Cos’è un fungo chaga?

Questo fungo di certo non assomiglia a nulla che vorresti toccare, per non parlare di mangiare. Ma nonostante il suo aspetto nodoso, color carbone, simile a un tumore, Chaga ha molto da offrire.

Chaga è il nome comune del fungo Inonotus obliquo. In realtà è una crescita cancerosa che si verifica quasi esclusivamente sugli alberi di betulla, spesso uccidendo l’albero una volta che invade l’interno dell’albero.

Sembra appetitoso, vero? Ma mentre il fungo chaga segnala la morte imminente per un albero, per gli esseri umani è vero il contrario.

I potenti antiossidanti in questo fungo possono potenzialmente prevenire o rallentare la crescita del tumore. Altri possibili benefici del chaga includono l’abbassamento del colesterolo e la lotta contro le malattie cardiache.

Ma cosa dice la ricerca su questi possibili benefici? Ci stiamo immergendo più a fondo in ciò che dovresti sapere prima di rompere un pezzo di chaga o fare una tazza di caffè ai funghi chaga per una migliore salute.

Sì, stai vedendo chaga ovunque

Alzi la mano se il feed dei social media è pieno di persone che esaltano i benefici dei funghi chaga. Non sei il solo.

La loro ritrovata popolarità si lega alla pandemia e ai social media. Le persone sono alla ricerca di modi semplici per aumentare la protezione immunitaria. E, beh, a loro piace postare su di esso.

Gli integratori di funghi hanno registrato una crescita a due cifre del 46% nel 2020, secondo Prospettive nutrizionali. In particolare, il mercato del chaga è cresciuto dell’11,9%.

Questi funghi possono essere il brutto tesoro degli integratori alimentari oggi, ma sono una medicina erboristica che risale a migliaia di anni in Russia e in Asia.

Cosa fai con Chaga?

Uno dei modi più popolari per ottenere i benefici dei funghi chaga è berli nel tè o nel caffè. È interessante notare che durante la seconda guerra mondiale e una relativa carenza di caffè, la Finlandia ha utilizzato il chaga per fare il caffè.

La polvere di Chaga si mescola bene anche nei frullati o nella pastella per pancake, ed è anche sotto forma di pastiglie.

Cosa c’è di così bello in Chaga?

Il fascino del chaga deriva dal suo valore medicinale piuttosto che nutritivo. Dopotutto, le persone non raccolgono funghi chaga al supermercato per aggiungerli alle insalate o saltarli in padella.

Potresti vedere “fatti” nutrizionali sui siti Web che vendono chaga, ma non ci sono prove a sostegno dei valori nutrizionali.

Quello che sappiamo dalla ricerca è che il chaga è pieno zeppo di antiossidanti, la sua fama di supportare una serie di condizioni di salute, secondo il Giornale di etnofarmacologia.

Il suo contenuto di antiossidanti può essere uno dei motivi per cui il chaga può potenzialmente proteggere da malattie e cancro. Un altro motivo: l’acido beetulinico.

L’acido beetulinico, noto per le sue proprietà antitumorali, si trova negli alberi di betulla, per il Giornale internazionale di scienze molecolari. Il fungo chaga si assorbe man mano che cresce sull’albero di betulla.

Come viene raccolto il chaga?

Tentato di creare il tuo tè chaga fai-da-te? Puoi certamente, se riesci a trovarli.

Negli Stati Uniti, si trovano prevalentemente in Alaska e in altri stati con clima freddo. Quindi, a seconda di dove vivi, potresti riuscire a trovarli mentre cammini nei boschi.

Prima di andare a cercare cibo nella foresta, ricorda che molti funghi sono velenosi. Tutti i funghi selvatici, incluso il chaga, dovrebbero essere identificati positivamente al 100% prima di mangiarli. Salta questo passaggio e potresti fare uno spuntino sul cugino mortale di Chaga.

La raccolta di Chaga avviene tutto l’anno, ma la massa nera simile al carbone è molto più facile da individuare sulle betulle in inverno, quando le foglie scarseggiano.

Ci sono segnalazioni di funghi chaga che crescono fino a 30 pollici di lunghezza e 20 pollici di larghezza e pesano da sette a 10 libbre.

Questi non sono funghi champignon delicati. L’esterno di Chaga è duro, mentre l’interno rosso-arancione è morbido. Le persone raccolgono chaga con un’accetta, un’ascia o un coltello.

Rimuovere il fungo non danneggia l’albero: è probabile che sia già morto o morente. Se il danno non ha raggiunto l’interno dell’albero, rimuovere il chaga canceroso potrebbe salvare l’albero.

Una volta tagliato dall’albero, il chaga viene conservato in un ambiente asciutto con un buon flusso d’aria. Da lì, può essere scomposto in piccoli pezzi o macinato in polvere per integratori ed estratti.

Fungo chaga naturale puro e sano, Inonotus obliquus in polvere e pezzi per preparare tè, caffè e rimedi erboristici.  Raccolto dal tronco d'albero di betulla nelle foreste.  Fondo in legno e pietra nera.

Helin Loik-Tomson/Getty Images

Potenziali benefici per la salute dei funghi chaga

Gli studi finora sui benefici per la salute del chaga sono incoraggianti, anche se gli scienziati affermano che sono necessarie molte più ricerche.

“Chaga può essere di supporto nel trattamento del cancro. Può aiutare ad abbassare la pressione sanguigna, il colesterolo e la glicemia e può anche aiutare il sistema immunitario regolando le citochine che aiutano ad aumentare le cellule immunitarie come i globuli bianchi “, afferma Rossia Parrish, medico naturopata autorizzato con Boulder Natural Salute a Boulder, Colorado.

L’avvertenza è che i ricercatori hanno condotto solo studi di laboratorio e animali. Non sono stati condotti studi clinici sull’uomo per valutare la sicurezza, l’efficacia o il dosaggio di Chaga per prevenire o curare malattie cardiovascolari, cancro, diabete e altre malattie.

Tuttavia, le persone usano i funghi chaga da soli o sotto la cura di un medico naturopata per aumentare l’immunità, migliorare la salute generale e sostenere gli sforzi per il trattamento delle condizioni mediche.

infiammazione e immunità

Sia gli studi sugli animali che in provetta nel Giornale di medicina tradizionale e complementare ha riscontrato una ridotta infiammazione e un aumento delle proprietà antibatteriche e antivirali attraverso la capacità di chaga di aumentare i globuli bianchi. Ma senza studi sugli esseri umani, è troppo presto per dire se potrebbe funzionare per te.

I risultati sono intriganti: i globuli bianchi sono la principale difesa del corpo contro virus e batteri, secondo Dana Hunnes, PhD, dietista senior presso il Ronald Reagan UCLA Medical Center. Aiutano il tuo corpo a combattere batteri e virus, mantenendoti in salute.

La stessa ricerca ha scoperto che i funghi chaga hanno ridotto e impedito la produzione di citochine, che sono marcatori dell’infiammazione.

Cancro

L’attributo più acclamato di Chaga sono le sue presunte attività antitumorali. È stato raccolto e usato per curare il cancro in diversi paesi, secondo Adenocarcinoma polmonare: approcci al trattamento. Ma ancora una volta, gli studi sull’uomo devono ancora supportare questa scoperta.

“Studi su animali e in provetta mostrano che Chaga può prevenire e forse anche rallentare la crescita delle cellule tumorali”, afferma Hunnes, che è anche professore alla Fielding School of Public Health di Los Angeles.

Uno studio sui topi ha mostrato una riduzione del 60% delle dimensioni del tumore e uno studio in provetta su cellule umane di fegato, polmoni, seno, prostata e colon ha mostrato che il chaga ha impedito la crescita delle cellule tumorali, secondo Hunnes.

Diabete

La gestione della glicemia è essenziale per le persone con diabete. Quando i livelli di zucchero nel sangue sono costantemente elevati, provoca danni agli organi vitali, agli occhi e ai nervi e aumenta il rischio di malattie cardiache, ictus e malattie renali.

Le persone sono incuriosite dal potenziale del chaga per la gestione della glicemia, ma finora è stato testato solo sui topi.

In uno studio pubblicato in Biomedicina e Farmacoterapia, I ricercatori hanno somministrato l’estratto di fungo chaga a un gruppo di topi in sovrappeso con diabete di tipo 2. Rispetto ai topi che non mangiavano chaga, i topi mangiatori di funghi avevano livelli di zucchero nel sangue e resistenza all’insulina ridotti.

colesterolo

Con l’alta concentrazione di antiossidanti di chaga, può aiutare le persone che hanno il colesterolo alto. Questo, a sua volta, potrebbe aiutare a proteggere dalle arterie ostruite e dalle malattie cardiache.

nello stesso Biomedicina e farmacoterapia nello studio sopra menzionato, i topi in sovrappeso con diabete di tipo 2 che hanno mangiato l’estratto di fungo chaga avevano ridotto il colesterolo “cattivo” LDL e aumentato il colesterolo “buono” HDL.

Chi dovrebbe evitare i funghi chaga?

Chaga può interagire con farmaci e altri integratori o può influire su una condizione di salute esistente. Quindi parla con il tuo medico prima di provare ad aggiungerlo alla tua dieta.

Tieni presente che i funghi chaga possono impedire l’assorbimento di alcuni nutrienti e possono essere tossici a dosi elevate.

“I funghi Chaga non sono privi di rischi”, avverte Parrish.

Se rientri in una delle categorie seguenti, potresti dover evitare il chaga.

Persone con problemi ai reni

“Il loro alto contenuto di ossalato dovrebbe essere una preoccupazione per chiunque si ferisca”, afferma Parrish.

Gli ossalati sono in una varietà di alimenti. Le loro minuscole molecole legano minerali come il calcio e formano cristalli, influenzando la funzione neurologica, la funzione del tessuto connettivo e la funzione dei reni e della vescica.

Se hai problemi ai reni, evita i funghi chaga, dice Parrish.

Persone con osteoporosi

Gli ossalati nei funghi chaga sono chelatori del calcio, il che significa che si legano al calcio e lo eliminano dal corpo.

Questa è una cattiva notizia per le persone con l’osteoporosi. Il calcio è un minerale chiave per la costruzione delle ossa.

“Se un paziente è osteoporotico, questo è un altro motivo per evitare i funghi chaga, poiché gli ossalati diminuiranno il livello di calcio biodisponibile complessivo nel corpo”, spiega Parrish.

Persone che assumono anticoagulanti

Non prendere chaga se stai assumendo farmaci per fluidificare il sangue.

“Chaga può anche impedire la coagulazione del sangue, quindi se sei un anticoagulante, non dovresti prenderlo”, dice Hunnes. “E se stai facendo delle procedure, non dovresti prenderle.”

Persone in cura per il diabete

Evita i funghi chaga se prendi medicine per controllare il diabete.

“Chaga può abbassare troppo i livelli di zucchero nel sangue e potrebbe essere pericoloso se diventi ipoglicemico”, afferma Hunnes.

Parrish è d’accordo, osservando che se qualcuno sta assumendo farmaci per regolare l’insulina, il chaga potrebbe interferire con l’efficacia del farmaco.

“Dovrebbero collaborare con il proprio medico per modulare o monitorare più da vicino i loro farmaci”, afferma.

Persone con malattie autoimmuni

Chaga potrebbe far diventare più attivo il sistema immunitario, intensificando i sintomi delle malattie autoimmuni.

“Non consiglierei a nessuno con malattie autoimmuni oa chiunque abbia subito un trapianto di organi di assumerlo, poiché potrebbe interagire con alcuni farmaci, rendendoli meno efficaci o più efficaci, il che potrebbe essere pericoloso”, afferma Hunnes.

Persone in gravidanza o allattamento

“Nemmeno le donne in gravidanza e in allattamento dovrebbero assumerlo, poiché potrebbe passare al bambino attraverso la placenta o l’allattamento al seno [milk]e la sicurezza non è nota per questo”, afferma Hunnes.

Come usare i funghi chaga

Se decidi di provare chaga, consulta prima il tuo medico. Assicurati di avvisare il tuo fornitore di tutti i farmaci che stai attualmente assumendo, inclusi altri integratori a base di erbe.

I funghi Chaga possono essere utili, ma tieni presente che sono strettamente supplementari. Non sono provati o raccomandati per trattare, diagnosticare, prevenire o curare malattie.

Secondo la Food and Drug Administration (FDA) statunitense, gli integratori non dovrebbero fare affermazioni come “previene il cancro”, “cura il diabete” o “abbassa il colesterolo”.

Tè e caffè Chaga

Sebbene il chaga sia un fungo commestibile, è piuttosto amaro e non è qualcosa che mangeresti direttamente dall’albero. (È appetitoso come sembra, per niente.)

Invece, puoi preparare il tè (chiamato anche caffè chaga) da pezzi di funghi chaga crudi.

Ogni azienda ha le sue istruzioni, ma fondamentalmente fai bollire l’acqua e la versi sui pezzi di chaga. Lasciate in infusione e buon appetito.

Potresti provare una polvere di funghi chaga pronta da mescolare. È un’opzione semplice: basta aggiungere acqua bollente.

Puoi bere il tè così com’è o provarlo come sostituto del latte o dell’acqua quando prepari la farina d’avena.

A proposito, non c’è caffeina nel tè o nel caffè ai funghi chaga.

Polvere e pillole di funghi Chaga

Parrish in genere raccomanda ai suoi pazienti il ​​fungo chaga in forma di capsule.

Sappi solo che le capsule possono contenere altri ingredienti botanici. “Molte erbe hanno effetti sinergici se assunte insieme”, dice.

Le polveri e gli estratti di Chaga sono altre opzioni da provare.

Come per tutti gli integratori alimentari, la FDA non regola il contenuto o gli additivi dei funghi chaga, quindi non c’è garanzia sulla qualità o sulla potenza del prodotto.

Controllare l’etichetta per un certificatore di terze parti, come USP, UL o NSF International.

Se partecipi, assicurati che il chaga che acquisti provenga dal 100% di funghi chaga e non da un laboratorio. I componenti attivi dell’acido betulinico, che proviene specificamente dalla betulla, non vengono coltivati ​​in laboratorio.

Leave a Reply

Your email address will not be published.