I medici hanno rivelato 5 fatti sulla vitamina D che probabilmente non sapevi

I medici hanno rivelato 5 fatti sulla vitamina D che probabilmente non sapevi

La vitamina D sta vivendo un momento e non c’è da meravigliarsi. L’elenco per eccellenza dei benefici della vitamina D include spesso il rafforzamento delle ossa e dei denti, il supporto dell’immunità, la promozione della salute del cervello e dei nervi e persino la lucentezza dei capelli.

Anche così, con tutto il clamore, ci sono molti fatti sorprendenti sulla vitamina D che sono preziosi per la tua consapevolezza. Continua a leggere per scoprire alcune vittorie sotto il radar della vitamina D, oltre ad alcuni avvertimenti, per integrare in modo più saggio.

Quanto tempo impiega la vitamina D ad agire? I nutrizionisti spiegano quanto tempo impiega la vitamina D ad agire nel tuo corpo

1. La carenza di vitamina D è correlata alla salute e alla funzione sessuale.

Coppia sorridente e godersi il pranzo sul tetto dell'edificio

Aleksandar Georgiev/Getty Images

La ricerca degli ultimi anni suggerisce che bassi livelli di vitamina D possono influenzare le prestazioni in camera da letto sia per gli uomini che per le donne.

Per gli uomini, la vitamina D può aumentare la fertilità aumentando la motilità degli spermatozoi. Secondo una ricerca pubblicata in Il Giornale Mondiale della Salute dell’Uomo a partire da maggio 2019, la vitamina D migliora la funzione testicolare, che produce sperma e ormoni sessuali essenziali come il testosterone.

Per le donne, diversi studi hanno trovato un’associazione tra carenza di vitamina D e disfunzione sessuale (come uno studio del 2019 pubblicato sulla rivista peer-reviewed Giornale di urologia). I sintomi includono basso desiderio sessuale, mancanza di eccitazione e dolore durante il sesso.

Se non ti dispiace aumentare la tua libido, non sei il solo: molti dati hanno notato che lo stress pandemico ha influenzato il modo in cui molti di noi si sentono romantici. Potresti trovare confortante sapere che un passo per riguadagnare quel sentimento d’amore può essere semplice come assicurarsi di assumere abbastanza vitamina D.

Vuoi la vitamina D nel tuo piatto alla tua prossima cena? Continua a leggere per scoprire 6 semplici modi per mangiare più cibi ricchi di vitamina D.


2. Troppa vitamina D può causare calcoli renali.

donna con mal di schiena

Peter Dazeley/Getty Images

Sì, esiste una cosa come esagerare con gli integratori di vitamina D. Un’assunzione eccessiva di vitamina D (in particolare dagli integratori) può avere effetti collaterali indesiderati… i peggiori dei quali includono i calcoli renali. Dr John Poothuilil, MD, FRCP, autore di La tua salute è a rischio: come navigare nel caos delle informazioni per prevenire le malattie dello stile di vitadice Il sano: “La vitamina D aumenta la quantità di calcio assorbita dall’intestino. Tuttavia, troppa vitamina D è pericolosa perché può causare alti livelli di calcio, portando a calcoli renali”. Il dottor Poothulil afferma che altri effetti collaterali di debolezza dovuti a troppa vitamina D includono nausea, vomito, debolezza muscolare e confusione.

Se integri con vitamina D, presta molta attenzione al dosaggio per assicurarti di non raggiungere livelli tossici. il dott. Poothuil raccomanda una quantità giornaliera di 800 unità internazionali (UI). Tuttavia, per le persone che vivono nei climi settentrionali o che non vivono molto all’aperto, un supplemento da 1.000 a 2.000 UI può essere utile. Prima di assumere integratori di vitamina D di qualsiasi forza, ti consigliamo di parlare con il tuo medico.


3. I livelli di vitamina D influiscono sulla tua salute urologica.

Medico femminile senior e paziente che discutono le cartelle cliniche

SDI Productions/Getty Images

La salute urologica si riferisce alle parti del corpo coinvolte nella salute sessuale (di solito la prostata e i testicoli negli uomini) e nella produzione, conservazione ed eliminazione delle urine (vescica, reni, vie urinarie per uomini e donne).

Un numero crescente di ricerche mostra che la carenza di vitamina D è associata a una serie di problemi urologici negli adulti, come ad esempio:

  • vescica iperattiva: Se corri spesso in bagno o ti svegli per fare pipì di notte, potresti avere una vescica iperattiva. Fortunatamente, aumentare i livelli di vitamina D può aiutare a fermare le visite in bagno a tarda notte perché la vitamina D aiuta a rafforzare i muscoli che consentono all’urina di uscire dalla vescica, secondo uno studio del 2021 pubblicato su Giornale internazionale di uroginecologia.
  • cancro alla vescica: La carenza di vitamina D può avere conseguenze per la salute più gravi rispetto alla minzione frequente. Uno studio del 2019 ha mostrato che bassi livelli di vitamina D erano associati a un rischio più elevato di cancro alla vescica.
  • Infezioni del tratto urinario (UTI): Assumere abbastanza vitamina D può aiutare a prevenire le infezioni ricorrenti del tratto urinario, secondo uno studio del 2019 che ha dimostrato che bassi livelli di vitamina D sono associati a un aumentato rischio di infezioni del tratto urinario negli adulti e nei bambini.
  • Ingrossamento della prostata: Secondo una ricerca pubblicata in Il giornale canadese di urologiaesiste una correlazione tra non assumere regolarmente la dose giornaliera di vitamina D e un aumento del rischio di ingrossamento della prostata, con conseguenti vari sintomi urinari fastidiosi.

4. L’invecchiamento influisce sulla capacità della pelle di produrre vitamina D.

mani della vecchia

Steve Prezant/Getty Images

Sappiamo tutti molto bene che la nostra pelle perde la sua carnagione liscia ed elastica con l’età. Quello che potresti non sapere è che l’invecchiamento della pelle perde anche la sua capacità di produrre vitamina D. È risaputo che il nostro sistema produce vitamina D quando la nostra pelle è esposta alla luce solare. Tuttavia, uscire e godersi il sole non avrà lo stesso effetto con l’età, secondo uno studio pubblicato su Cliniche di endocrinologia e metabolismo nordamericane.

Di quanta esposizione al sole ha bisogno la tua pelle per produrre abbastanza vitamina D? La dott.ssa Joan Salge Blake, EdD, RDN, LDN, FAND, spiega: “La ricerca suggerisce che fino a 30 minuti di esposizione al sole, in particolare tra le 10:00 e le 14:00 (ogni giorno o almeno due volte a settimana) su viso, braccia, mani , e le gambe senza protezione solare possono portare a una sufficiente sintesi di vitamina D, a seconda di dove vivi e dell’intensità del sole”.

Cerchi l’integratore di vitamina D giusto per te? I 4 migliori integratori di vitamina D a seconda delle tue esigenze specifiche, da dietisti registrati.


5. Non tutte le donne hanno bisogno della stessa quantità di vitamina D.

Una donna incinta che tiene la pancia del suo bambino a casa

Shanche/Getty Images

Alcune donne potrebbero aver bisogno di più o meno vitamina D rispetto alla raccomandazione giornaliera di 800 UI. Ad esempio, uno studio del 2016 ha rilevato che le donne incinte che hanno partorito in inverno, hanno bassi livelli di vitamina D all’inizio della gravidanza o aumentano di peso rispetto alla media durante la gravidanza possono aver bisogno di dosi più elevate di vitamina D rispetto ad altre donne in gravidanza.

La vitamina D è un nutriente fondamentale durante la gravidanza sia per la madre che per il bambino. La carenza aumenta il rischio di rachitismo congenito e di fratture ossee nei bambini e di preeclampsia nelle madri. Se sei una futura mamma, parla con il tuo medico per trovare una vitamina prenatale di qualità che includa vitamina D.

iscriversi per Il sano newsletter per consigli su uno stile di vita sano e altro ancora, e seguici su Facebook e Instagram. Continua a leggere:

Leave a Reply

Your email address will not be published.