La vendetta della procrastinazione dell’ora di andare a letto: ti tiene sveglio fino a tardi?

Se rimandi il sonno a favore di guardare la TV o navigare sui social media, potresti essere un procrastinatore della buonanotte. Ecco cosa significa – e come farti andare a letto.

Quando smetti di dormire

Alza la mano se ti ritrovi a scorrere regolarmente i tuoi siti di social media preferiti mentre sei sdraiato a letto o stai aggiornando le notizie molto tempo dopo aver dormito. Non sei solo. Molti adulti hanno a che fare con quella che gli psicologi chiamano “vendetta procrastinazione prima di coricarsi”.

Se sei come la maggior parte delle persone, attribuisci le tue notti tarde a un po’ di tempo per rilassarti prima di addormentarti. Ma gli psicologi dicono che nelle tue attività notturne potrebbe esserci di più di quanto pensi. Lo chiamano “procrastinazione prima di coricarsi della vendetta” e può portare alla privazione del sonno e ad altri problemi legati alla mancanza di sonno: perdita di memoria, mancanza di vigilanza, sistema immunitario indebolito e persino alcuni problemi di salute mentale.

La vendetta della procrastinazione prima di coricarsi

La Sleep Foundation descrive la procrastinazione prima di coricarsi per vendetta come andare a letto più tardi del previsto senza una ragione pratica per farlo. Alla fine, decidi di sacrificare il sonno per il tempo libero.

Uno studio condotto da ricercatori nei Paesi Bassi ha descritto la procrastinazione prima di coricarsi nel 2014 a Frontiere della psicologia. Il concetto si è diffuso rapidamente e alla fine è arrivato negli Stati Uniti nell’estate del 2020, quando la scrittrice Daphne K. Lee twittato a questo proposito.

Hai la parte della buonanotte. Ed è abbastanza chiaro che stai procrastinando il sonno. Ma dove arriva la vendetta? La risposta a questo lascia perplessi gli psicologi.

Sembra che le persone che non hanno molto controllo sul proprio tempo durante il giorno stiano alzate la notte per ritrovare un senso di controllo e libertà. È una sorta di forma subconscia di vendetta, se vuoi. Terry Cralle, un’infermiera registrata e specialista del sonno certificata dal Better Sleep Council, afferma che gli scienziati del sonno sono affascinati perché quella che sembra una semplice coincidenza può avere radici psicologiche più profonde.

Come fai a sapere se sei un procrastinatore della vendetta della buonanotte?

Potresti essere colpevole di procrastinazione prima di coricarsi se:

  • Soffri di perdita di sonno a causa di frequenti ritardi nell’ora di coricarsi
  • Ritardare l’ora di coricarsi senza una ragione apparente
  • Continua a rimanere sveglio dopo l’ora di andare a dormire, pur sapendo che ciò può portare a conseguenze negative

Janelle Watson, terapista matrimoniale e familiare autorizzata e proprietaria di Embrace Wellness, sottolinea che non dovremmo confondere la procrastinazione prima di coricarsi con lo stare alzati fino a tardi per lavorare o finire i compiti. Questi sono due motivi per ritardare l’ora di andare a dormire, ma quando procrastinisci il sonno, non controlli le cose sulla tua lista di cose da fare.

“L’obiettivo psicologico inconscio della procrastinazione prima di coricarsi è quello di riprendere il controllo del tuo tempo”, afferma Watson. L’ora di andare a dormire e la procrastinazione del sonno tendono a includere attività che forniscono un piacere immediato, come guardare Netflix, leggere, chattare con gli amici o navigare in Internet.

Immagini di Mario Guti/Getty

La psicologia dietro la procrastinazione prima di coricarsi per vendetta

La vendetta della procrastinazione prima di coricarsi è ancora un concetto emergente nella scienza del sonno e sono in corso dibattiti sulla psicologia dietro questo comportamento. Ma la verità è che gli americani non dormono abbastanza.

Sebbene i Centers for Disease Control and Prevention (CDC) raccomandino che gli adulti di età pari o superiore a 18 anni dormano almeno sette ore a notte, un sondaggio Gallup del 2013 ha rilevato che il 56% degli adulti non dorme una notte intera e il 43% ha affermato dormono abbastanza e si sentirebbero meglio se dormissero di più.

Allora perché alcuni di noi prendono deliberatamente la decisione di alimentare le fiamme delle nostre mattine intontite e delle nostre assonnate giornate lavorative? Secondo Watson, la risposta a questa domanda sta “alla radice della procrastinazione prima di coricarsi per vendetta”.

Gli studi suggeriscono che la gestione del tempo degli americani è diventata sempre più complessa per una serie di ragioni, inclusi turni e orari di lavoro imprevedibili e disuguaglianze di genere, classe e razza.

“Sebbene gli orari di lavoro siano un grande fattore che contribuisce a vendicare la procrastinazione prima di coricarsi, alcuni dei miei clienti sono anche impantanati con orari stretti con i loro figli, la famiglia e altri ruoli e responsabilità che portano via il loro tempo “me” durante il giorno. .” dice Watson.

Chi ha maggiori probabilità di procrastinare andando a letto?

Watson dice che le persone che procrastinano quando vanno a dormire in genere vogliono un’intera notte di riposo, ma non hanno successo.

Gli esperti del sonno si riferiscono a questo come a un divario tra intenzione e comportamento che a volte è causato da sfide di autocontrollo o autoregolazione. L’autocontrollo è spesso al minimo alla fine della giornata, rendendo più facile cedere alla tentazione dell’auto-indulgenza.

Mentre la maggior parte delle persone ha le migliori intenzioni quando si tratta di dormire tutta la notte, gli studi dimostrano che è più probabile che procrastinare andare a letto a un’ora ragionevole se:

  • Procrastinare in altre aree della tua vita
  • Svolgi un lavoro ad alto stress o comunque impegnativo
  • Trovati a dover “resistere agli impulsi” per il resto della giornata
  • Lavorare in un ambiente che richiede che la tua vita lavorativa si intersechi con la tua vita personale o che non ti dia il tempo di rilassarti dopo il lavoro (come lavorare da casa)
  • Sei una donna o una studentessa?

Come affrontare la procrastinazione della vendetta prima di coricarsi

Se pensi di poter essere un procrastinatore della buonanotte, gli esperti suggeriscono sette modi per andare a letto e iniziare a riposarti:

  1. Sii intenzionale riguardo al tuo riposo. “Se necessario, programma il tuo sonno impostando sveglie, timer televisivi e altri dispositivi per avvisarti quando l’ora di andare a dormire è vicina”, afferma Watson.
  2. Quando possibile, inizia a rilassarti 30 minuti prima di coricarti.
  3. Crea un obiettivo per andare a dormire realistico che tenga conto del tuo programma giornaliero.
  4. Spegni tutti i dispositivi elettronici e metti fuori dalla tua portata qualsiasi fonte di distrazione dopo essere andato a letto.
  5. Pratica strategie di rilassamento come la consapevolezza e la mediazione.
  6. Raggiungi la causa principale del problema sviluppando strategie di coping sane per affrontare lo stress durante la giornata.
  7. Se tutto il resto fallisce, parla con un terapeuta.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *