Sloane Stephens sulla positività a Wimbledon 2022

Sloane Stephens sulla positività a Wimbledon 2022

Sloane Stephens, 29 anni, gioca a tennis a livello professionistico da quasi 13 anni. Da quando aveva 16 anni, Stephens ha vinto riconoscimenti dopo riconoscimenti: segnando una grande sorpresa contro Serena Williams; tre titoli vincitori della Women’s Tennis Association (WTA); e, dopo essere tornato allo sport dopo un infortunio al piede, ha vinto il WTA Comeback Player of the Year nel 2017.

Gestire una carriera atletica lunga e altalenante fin da così giovane ha insegnato a Stephens non solo come prendersi cura del proprio corpo, ma anche come mantenere una buona salute mentale e rimanere resilienti. Stephens ha parlato con Il sano @Riepilogo del lettore sull’importanza dell’esercizio, tenendo d’occhio il quadro generale e il suo lavoro con la Sloane Stephens Foundation.

Esclusivi Brooke Shields: i tuoi 4 must-have per il benessere e il vantaggio “straordinario” dell’invecchiamento

Per Sloane Stephens, prendersi cura del dolore non è la parte difficile dell’essere un atleta professionista. Ci ha detto che lo risolverà, Ghiaccio caldo, è da anni una soluzione nella tua famiglia ed è una parte regolare della tua routine di cura di sé. Durante i tornei, Stephens dice che ama usare le patch sul suo Indietro Altro le spalle mentre dorme per aiutarla a svegliarsi sentendosi più sciolta.

Ma l’aspetto mentale del gioco può essere complicato… ea due anni dall’inizio della pandemia, nessuno, compresi gli atleti professionisti, ne risente. Stephens dice che l’attività fisica l’ha aiutata ad affrontare questo esaurimento emotivo.

“Penso che l’esercizio sia una parte importante di come ci sentiamo”, ha detto Stephens. Il sano. “Se sono a casa pigro, cerco di uscire e di andare in giro, provo ad alzarmi e fare degli allungamenti. Mi fa sentire meglio in generale e penso che sia un modo semplice per migliorare il tuo umore. Non è necessario eseguire una corsa di 30 minuti. Puoi letteralmente fare posizioni yoga, fare alcuni allungamenti, fare alcune cose che stanno ancora diventando attive per aiutare con l’affaticamento mentale che penso che molti di noi provino, specialmente dopo il COVID”.

Stephens ha dovuto coltivare molti modi salutari per elaborare gli eventi intorno a lui. “Dico sempre che conosci il tennis: una settimana puoi perdere il primo turno, la prossima settimana puoi vincere il torneo”, ha detto.. Gestire queste montagne russe di vittorie e sconfitte può essere difficile, ma Stephens cerca di tenere d’occhio il quadro generale.

Come riprendersi più forti dai tuoi errori più imbarazzanti

“Ci sono così tante cose che possono accadere che possono cambiare una stagione o una partita, che devi avere la mentalità di essere sempre pronto a cogliere qualsiasi opportunità ti si presenta”, ha detto. “Sono stato in quella posizione. Ho perso quattro primi turni di fila e sono finito ai quarti di finale degli Open di Francia. C’è molto da dire per le persone che sono in grado di riprendersi e accettare una terribile perdita e trasformarla in qualcosa di buono. Penso alle persone che lo gestiscono. . . ottenere i migliori risultati”.

Nel complesso, dice, il suo segreto per la resilienza è semplice. “Cerco solo di rimanere positivo. Ovviamente non è facile, ma rimanere positivi è l’unico modo per superarlo”.

Come sviluppare un atteggiamento positivo in 6 semplici passi

Sloane Stephens in azione

per gentile concessione di Icy Hot

Che si tratti di imparare a essere positivo, rimettersi in forma o semplicemente trovare una comunità, Stephens conosce i vantaggi che lo sport può offrire. Ecco perché nel 2013 ha fondato la Sloane Stephens Foundation, un’organizzazione no-profit che aiuta a costruire campi da tennis e ad avviare programmi di tennis doposcuola per studenti svantaggiati.

Stephens dice che poiché il tennis può essere uno sport così difficile da praticare, voleva che la Sloane Stephens Foundation aiutasse ad abbassare quella barriera in modo che qualsiasi bambino potesse avere il tipo di opportunità che aveva lei. “Essere in grado di insegnare il tennis a persone che normalmente non sarebbero in grado di impararlo, o dare ai bambini l’opportunità che normalmente non sarebbero in grado di prendere in mano una racchetta, è estremamente importante”, ha detto Stephens.

“Si tratta di costruire comunità in cui forse i tuoi figli finiscono per giocare a tennis. E per me, questa è la crescita del gioco. Ovviamente giocare a tennis ed essere in TV ogni settimana è bello, ma non è bello se i bambini non raccolgono le racchette perché semplicemente non possono. Vuoi che le persone ti vedano e dicano: ‘Oh, voglio giocare a tennis’ e poi essere davvero in grado di andare a prendere una racchetta e una pallina da tennis e avere un posto dove giocare”.

Ottieni il @ sanoRiepilogo del lettore Notiziario. Seguici su Facebook, Instagram e twittere continua a leggere:

Leave a Reply

Your email address will not be published.