Tipi di probiotici e come scegliere quello giusto per le tue esigenze

Tipi di probiotici e come scegliere quello giusto per le tue esigenze

Come scegliere un probiotico

I probiotici sono diventati un integratore molto popolare per una buona alimentazione. Ma sono disponibili così tanti di questi prodotti salutari pieni di batteri che scegliere quello giusto può sembrare complicato. Ciò è particolarmente vero perché, come alcuni altri integratori, come molte polveri proteiche, il National Institutes of Health (NIH) sottolinea che i probiotici generalmente non richiedono l’approvazione della Food and Drug Administration statunitense.

Tuttavia, ciò non significa che non offrano benefici per la salute. Il NIH afferma che i probiotici possono aiutare il microbioma intestinale a raggiungere un equilibrio più ottimale, che può portare a numerosi benefici per la salute significativi. Infatti, prima della pandemia, alcuni professionisti medici raccomandavano i probiotici per prevenire le infezioni nei pazienti ospedalieri, secondo una ricerca del 2018 in PLOS Uno. Altri studi recensiti in Frontiere in microbiologia entro il 2020, i probiotici suggeriti potrebbero anche migliorare l’assorbimento dei nutrienti, proteggere il cuore e potenzialmente prevenire il cancro; mentre ricerche precedenti hanno scoperto che i probiotici possono aiutare ad alleviare i sintomi di allergia. E la scienza ha suggerito che potrebbero esserci vantaggi per i probiotici oltre a tutto ciò.

Al momento, c’è ancora molta scienza in fase di scoperta sui probiotici. Ad esempio, afferma la nutrizionista Rachel Larkey, MS, RD, CDN, CLC Il sano: “Alcune persone traggono vantaggio dall’assunzione di un probiotico, e altre no.” Dice che gli scienziati non sono sicuri del motivo per cui ci sono risposte diverse, ma potrebbe avere a che fare con la genetica e il modo unico in cui i singoli corpi rispondono a cibi e nutrienti diversi.

La ricerca continua ad avanzare… ma intanto ecco cosa dicono gli esperti che dovresti cercare in un buon probiotico.

Inoltre, lo rendiamo facile – leggi Culturelle Probiotic: Perché è il migliore, dicono molti acquirenti e professionisti della nutrizione

Cosa sono i probiotici?

In poche parole, i probiotici sono microrganismi vivi che possono aiutare a diversificare e bilanciare la flora intestinale (i batteri dell’apparato digerente). Un’analisi pubblicata in Bmj spiega l’importanza di questo equilibrio, ricordando che avere abbastanza batteri buoni è essenziale per digerire il cibo. Nel frattempo, la bassa diversità batterica – chiamata “disbiosi” – è stata collegata a un’ampia gamma di problemi di salute, come malattie infiammatorie intestinali, diabete, artrite e obesità.

Ci sono molte ragioni per cui l’equilibrio dei batteri intestinali può sfuggire al controllo, secondo una ricerca pubblicata su Frontiere in endocrinologia. Ciò può includere cambiamenti nella dieta, fumo, consumo di alcol, stress e ansia, uso di antibiotici, sonno ridotto e ingestione di pesticidi o sostanze chimiche (uno dei motivi per cui è così importante lavare frutta e verdura in modo sicuro).

Quindi, se stai cercando di rimettere in sesto la tua flora intestinale, ecco un download di saggezza. Come per qualsiasi cambiamento di dieta, ti consigliamo di consultare il tuo medico prima di iniziare un probiotico.

Per ulteriori informazioni di base sui probiotici, leggi Cosa sono i probiotici? È tempo di chiarire i fatti

Comprensione dei ceppi probiotici

Esistono circa 8.000 diversi tipi di probiotici, secondo un articolo del 2019 in Medicina della Natura– e probabilmente altri rimangono sconosciuti. Questi ceppi rientrano in diverse categorie (generi) spesso utilizzati nei prodotti probiotici.

I più comuni (e ben studiati) sono lattobacillo, bifidobatterie Saccharomices. Puoi trovare ceppi di streptococco, enterococchi, escherichiae Bacillo inoltre, sebbene la ricerca su questi tipi sia più limitata (e si basi principalmente su studi sugli animali).

lattobacillo

Questo tipo di batteri buoni svolge un ruolo importante nella digestione del cibo. Può anche aiutare a prevenire problemi intestinali come infezioni, sindrome dell’intestino irritabile (IBS) e cancro, secondo una ricerca pubblicata in Frontiere in microbiologia.

Mentre ci sono molti tipi in questa generazione, il ceppo Lactobacillus rhamnosus è uno dei più studiati, afferma Dana Ellis Hunnes, PhD, MPH, RD, nutrizionista senior presso l’UCLA Medical Center e autrice di Ricetta per sopravvivere. il testo medicina integrativa Descrive ciò che gli studi fino ad oggi hanno trovato: l’integrazione con questo ceppo probiotico può alleviare la diarrea, prevenire la dermatite atopica, proteggere dalle infezioni del tratto urinario e migliorare la salute dell’intestino. Ma gli scienziati continuano a esplorare i potenziali benefici per la salute degli altri. lattobacillo ceppi troppo – come questo può prevenire l’influenza e il comune raffreddore.

bifidobatteri

Questi batteri amici aiutano il corpo a scomporre le fibre e sono essenziali per mantenere il colon in ottima forma. Sondaggio dicembre 2021 pubblicato in Frontiere in Bioingegneria e Biotecnologie ha suggerito che bifidobatteri può anche aiutare a prevenire infezioni, infiammazioni intestinali e stitichezza (anche nelle persone con intolleranza al lattosio) e migliorare l’assorbimento dei nutrienti nell’intestino.

Sebbene siano necessarie ulteriori ricerche sull’uomo, diversi ceppi di questo batterio, tra cui B. adolescente, b. brevee B. lungo— hanno anche dimostrato di alleviare i sintomi di stress, ansia e depressione.

17 cose che gli psicologi vorrebbero che le persone sapessero sulla depressione

Saccharomices

Saccharomices è in realtà un lievito probiotico (il ceppo Saccharomyces cerevisiaea volte chiamato “lievito di panetteria”, è quello che viene utilizzato in processi come la panificazione e la vinificazione).

I ricercatori hanno scoperto che un altro tipo—Saccharomyces boulardii– è particolarmente efficace nel trattamento di problemi intestinali, come la diarrea, che possono manifestarsi a causa dell’uso di antibiotici. Secondo il sondaggio 2020 pubblicato in Diario dei funghiquesto lievito può aiutare a ripristinare il normale equilibrio dei batteri che vengono disturbati durante il trattamento antibiotico.

12 motivi medici per cui continui ad avere la diarrea

Ceppi probiotici: più ceppi, meglio è?

Quindi, se tutte queste varietà hanno i loro vantaggi unici, perché non semplicemente mescolarle? Bene, cominciamo da qui: i probiotici sono spesso commercializzati come prodotti a ceppo singolo o multiceppo. Perché Molti diversi tipi di batteri si trovano naturalmente nell’intestino, si ritiene che le miscele di vari ceppi dovrebbero essere più efficaci. Tuttavia, questa ipotesi rimane infondata, secondo una ricerca pubblicata in Malattie e scienze dell’apparato digerente.

La revisione degli studi afferma che “nella maggior parte dei casi, le miscele di più ceppi non erano significativamente più efficaci dei probiotici a ceppo singolo”. Tuttavia, la ricerca del 2019 pubblicata in biologia ha esortato la comunità scientifica ad attenersi a questo problema. Ha suggerito che la miscelazione di alcuni ceppi probiotici produrrebbe probabilmente effetti benefici, ma quali tipi di batteri funzionano meglio all’unisono è ancora in discussione.

Di quanti CFU probiotici ho bisogno?

Le dosi di probiotici sono misurate in CFU o unità formanti colonie. Questo numero, solitamente compreso tra uno e 50 miliardi, indica il numero di cellule vitali di batteri vivi presenti in un determinato prodotto. Ancora una volta, sono necessarie ulteriori ricerche per comprendere le dosi ottimali di probiotici, sebbene una revisione del 2017 degli studi pubblicati su microbi benefici ha suggerito che un UFC più alto non è necessariamente migliore. La ricerca ha indicato uno studio che ha suggerito 10 miliardi di CFU di Lactobacillus rhamnosus può essere la massima efficacia per questo ceppo.

Controllare a fondo l’etichetta di un prodotto può darti maggiori informazioni su quanti CFU stai assumendo, secondo il NIH. Questo perché le normative vigenti richiedono ai produttori di elencare solo il peso totale, che può includere sia microrganismi vivi che morti. Quindi, per assicurarti di ottenere organismi vivi, il NIH suggerisce di cercare prodotti che indichino il numero CFU alla fine del ciclo di vita del prodotto, non solo ciò che è presente al momento della produzione.

Il mio probiotico funziona?

Potresti non essere in grado di dire se un integratore probiotico funziona, spiega Hunnes. “Detto questo, se hai meno gonfiore, sei più regolare e hai meno [gastrointestinal system] gli effetti collaterali probabilmente ti stanno aiutando”, dice.

E gli esperti hanno alcuni suggerimenti che possono migliorare l’efficacia dei tuoi probiotici. Larkey dice di mangiarne un po’ primabiotico durante il giorno, poiché questi alimenti fibrosi – come farina d’avena, banane, bacche, verdure e asparagi – lavorano per nutrire i batteri buoni nel nostro intestino.

Leggi il beneficio per la salute della banana che sicuramente non eri a conoscenza, rivelano i nutrizionisti

Inoltre, potresti pensarci due volte prima di assumere i probiotici alla stessa ora del giorno come un antibiotico, aggiunge Hunnes: “Altrimenti, stai solo uccidendo i probiotici”. Consiglia che è meglio aspettare circa sei ore dopo l’assunzione di un antibiotico.

Larkey consiglia anche di includere alimenti probiotici come yogurt, kefir e kombucha nella tua dieta. Ma non preoccuparti se non sei un fan dei cibi fermentati: ecco sei fantastici alimenti probiotici e ulteriori informazioni sul perché mangiare cibi ricchi di batteri è così benefico.

Ci sono aspetti negativi nell’assumere un probiotico?

“Ognuno di noi ha un livello naturale di probiotici nel nostro tratto intestinale che è unico per noi”, afferma Hunnes. Quindi, quando prendi un probiotico, corri il rischio di “esaurire” l’equilibrio che hai naturalmente.

Detto questo, non è ancora chiaro quale effetto potrebbe avere sulla tua salute generale. Secondo il NIH, mancano informazioni sulla frequenza e sulla gravità degli effetti collaterali dei probiotici, quindi assicurati di prenderlo sotto la supervisione del tuo medico.

Ora che sei armato di una migliore comprensione dei ceppi probiotici e dei CFU, dai un’occhiata ad alcune marche di probiotici recensite dai nutrizionisti per i tuoi problemi di salute specifici.

iscriversi per Il sano @Riepilogo del lettore newsletter per conoscenze nutrizionali e molto altro. Seguici su Facebook e Instagram e continua a leggere:

Leave a Reply

Your email address will not be published.